terminali di versi

cope terminali di versi poesie nostalgia amore

La silloge di Pino Chisari possiede questa sensibilità, è una raccolta di silenzi e sguardi attenti, di ricordi e consapevolezze, di malinconie, intime gioie e riflessioni profonde.
E’ una poesia elegante quella di Chisari, che raccoglie in eredità le sonorità e il linguaggio della tradizione poetica italiana di ampio respiro: da Montale a Quasimodo, a Saba, alla ricercata scelta delle parole delle poesie di Luzi. Non sono versi tormentati, convulsi, espressione di sentimenti estremi, piuttosto somigliano alla risacca del mare,

Prezzo: €13,00

Descrizione

Acquistalo su Amazon

sugli altri principali store on line, oppure ordinalo nella tua libreria di fiducia!

Ci sono attimi che agli occhi estremamente sensibili del poeta paiono composti d’infinito, sfumature di realtà di cui nessuno s’accorge, piccole porzioni di vita quotidiana che diventano materia poetica eterna: il volo di un gabbiano, uno sguardo, il profumo del pane, l’odore della pelle della donna amata, una farfalla che si posa su un pianoforte:
Cerco di cogliere la nota lieve/ch’una farfalla ha staccato/posandosi improvvisa/sulla tastiera d’un pianoforte.
Come se l’udito fine lo portasse a percepire suoni che solitamente non vengono raccolti.
La silloge di Pino Chisari possiede questa sensibilità, è una raccolta di silenzi e sguardi attenti, di ricordi e consapevolezze, di malinconie, intime gioie e riflessioni profonde.
E’ una poesia elegante quella di Chisari, che raccoglie in eredità le sonorità e il linguaggio della tradizione poetica italiana di ampio respiro: da Montale a Quasimodo, a Saba, alla ricercata scelta delle parole delle poesie di Luzi. Non sono versi tormentati, convulsi, espressione di sentimenti estremi: Non credo all’allegria del vino/né alla perdizione delle droghe,/non credo alle scariche di adrenalina. Piuttosto somigliano alla risacca del mare, un andare e venire dal presente al passato, una passeggiata nelle stanze del cuore e della mente, un silenzioso camminare nel bosco facendo attenzione ai colori intorno, al fruscio delle foglie accarezzate dal vento, al rumore dei ciottoli calpestati. La natura diventa viva e presente tra i suoi versi:
Vedo fondali scuri/ove il blu rapido si dissolve/in un nero denso e vischioso/che par celare misteri inquietanti.
Il passato, l’amore, la natura, la constatazione dello scorrere del tempo, questi sono i temi centrali della sua poetica, che con leggerezza malinconica si succedono nei suoi versi, in cui l’enjambement usato con naturalezza dona un ritmo molto personale alla musicalità del verso e la metafora diventa sguardo prezioso con cui dipingere la realtà che diventa magica:
Unirai le stelle del cielo col filo/rubato alla tela d’un ignaro ragno,/le unirai paziente per scoprire/il disegno oscuro del tuo destino
E’ una raccolta piena di ricordi questa, e di visioni anche.
L’autore ci accompagna nel suo mondo con delicatezza, rendendoci partecipi delle sue malinconie e delle sue riflessioni sul vivere e sul morire, sui miracoli dell’esistenza. E ci riesce. E ci riempie di suoni, immagini, meraviglia e sorrisi che fanno parte del suo percorso di vita, nel suo viaggio interiore ed esteriore.
Perché la vita in fondo, nel suo scorrere incessante, non è altro che questo, un immenso viaggio, se possibile fatto in compagnia delle persone amate, di cui essere grati.
E in questa raccolta se ne coglie appieno il senso e il significato profondo.

Ilaria Giovinazzo (poetessa), novembre 2021